VERSO L’8 MARZO. PRESENTATO A BARI IL CENTRO DI ASCOLTO “DONNE, FAMIGLIE E ANZIANI”

di redazione press

VERSO L’8 MARZO. PRESENTATO A BARI IL CENTRO DI ASCOLTO “DONNE, FAMIGLIE E ANZIANI”

Bari Attualità

letto: 20 volte 6 marzo 2019 Non raggiunti il minimo di 3 voti.


Accogliere, ascoltare, orientare le persone in difficoltà, individuare i bisogni latenti, presenti sul territorio, e collaborare con le istituzioni nella diffusione di una cultura della solidarietà nei confronti di tutte le persone in difficoltà e oggetto di violenza.

Sono queste le finalità che hanno portato L’ANTEAS (Associazione Nazionale tutte le ETA’ ATTIVE per la SOLIDARIETA’) di Bari e la FNP Cisl e il Coordinamento Donne della Cisl Bari BAT, all’istituzione nel capoluogo pugliese di uno sportello di ascolto con la finalità d’ascolto, supporto alle donne, anziani e famiglie in difficoltà e, dove sarà possibile segnalare ogni abuso avvalendosi della fattiva opera di collaborazione della FNP BARI della CISL e tutte le loro strutture.

“L’ANTEAS, - ha spiegato nel corso della conferenza stampa Luigia Minunno Presidente dell’Associazione - da sempre impegnata a rispondere ai bisogni e alle problematiche del territorio con una particolare attenzione verso le persone più sole e svantaggiate, e che si avvale del contributo di volontari e figure professionali vicine all'associazione, ha messo al centro di ogni suo interesse la persona e la sua dignità, rivolgendo grande attenzione alle tematiche che riguardano le donne, gli anziani e la famiglia, vittime di violenza fisica e psicologica, stalking e discriminazioni di ogni genere e di tutte le conseguenze che ne derivano sotto l'aspetto Sociale.”

L‘iniziativa presentata nella sala giunta del Comune di Bari, è stata ben accolta da Francesca Bottalico Assessore al Welfare Comune di Bari, che ha messo a disposizione delle associazioni delle giornate formative da svolgersi il 25 marzo e il 1° aprile. “Sarà una nuova antenna sul territorio, frutto di una collaborazione nata diversi anni fa, quando abbiamo immaginato di impegnarci, insieme all’Anteas e alla Cisl Bari, per le pari opportunità e il contrasto alla violenza. Lo sportello d’ascolto permetterà di costruire un’offerta sempre più ampia di prossimità, che possa arrivare in quanti più luoghi possibile a tutela dei soggetti fragili. Questo centro di ascolto si aggiunge, quindi, alla rete di trenta presidi dedicati a donne, famiglie e anziani in difficoltà. Nelle prossime settimane, nell’ambito di due giornate di formazione dedicate a cento operatori territoriali organizzate dall’amministrazione, un gruppo di volontari sarà avviato a un percorso formativo specifico per far sì che l’attività di ascolto non sia fine a se stessa, bensì finalizzata all’efficace orientamento dei soggetti fragili verso i servizi specializzati più adatti alle loro esigenze”.

Domenico Liantonio Segretario Generale FNP Cisl Bari, ha sottolineato che “la violenza spesso trova terreno fertile nella famiglia, ed è contagiosa. Dove c’è una violenza alla mamma, c’è violenza ai figli e agli anziani. Pertanto il centro di ascolto intercetta attraverso la FNP le donne come persone singole, ma si apre all’intera famiglia e alle loro necessità e fragilità”

Antonia Sinisi del Coord. Donne Cisl Bari BAT, ha illustrato nei dettagli il progetto “realizzato in mesi di lavoro e analisi, ma anche grazie alla collaborazione con la rete di associazioni e l’assessorato al welfare. A disposizione di chiunque ne abbia necessità il numero verde 800760085 attivo dalle ore 7.00 alle ore 23.00. Il centro d’ascolto invece in via Michelangelo Signorile,2 a Bari, sarà aperto 2 giorni a settimana, che sono in fase di individuazione dalle ore 9.00 alle ore 13.00 e dalle ore 16.00 alle ore 19.00”

Ad accogliere con grande piacere l’iniziativa anche Patrizia del Giudice Presidente della Commissione Pari opportunità Regione Puglia che ha detto “siete nonni e avete il dovere di supportare questa società, in cui la rabbia e la violenza economica, oramai aggrediscono tutte le categorie. Oggi sono davvero felice per questa opportunità, che mi ricorda quanto ho attivato nel 2012. Da anni mi occupo di credito, seguo l’andamento economico e l’intuito sette anni fa, quando purtroppo iniziavano i suicidi di molti imprenditori, mi portò ad attivare un numero verde per comprendere cosa stesse accadendo e supportare imprenditori e famiglie in difficoltà. Andate avanti e creiamo una rete di relazioni finalizzata al sostegno delle persone vittime di violenza. È interesse comune-diffondere la cultura della non violenza, l'educazione del rispetto reciproco tra persone.”