Come affrontare con serenità l'inverno e le problematiche di stagione?

di Nicola Ventola

Come affrontare con serenità l'inverno e le problematiche di stagione?

Bisceglie Attualità

letto: 268 volte 5 novembre 2020 Non raggiunti il minimo di 3 voti.


«Rinforziamo adeguatamente il sistema immunitario»

I consigli del Dott. Joseph Cannillo, biologo, docente di fitoterapia e direttore scientifico del Laboratorio Erboristico Forza Vitale

Dott. Cannillo, siamo oramai alle porte della stagione invernale in un momento molto particolare a livello sanitario: cosa cambia rispetto agli anni scorsi?

«Sicuramente questo inverno non sarà uguale a quelli passati ma è opportuno fare alcune precisazioni per non aggiungere altro allarmismo».

Cosa vuol dire nello specifico?

«L'inverno porta inevitabilmente come ogni anno alcune conseguenze per la nostra salute: raffreddore, tosse, febbre. Quest'anno però a causa della pandemia ce ne stiamo ricordando un po' di più. Come se in passato il fenomeno non fosse previsto o non destasse preoccupazione. Il punto è approfittare di questa giusta attenzione per farsi trovare pronti. Ancora meglio degli anni scorsi»

Come?

«La ricetta è semplice e vale oggi come ieri: rinforziamo il nostro sistema immunitario, uno strumento straordinario di difesa del nostro corpo. Rinforziamolo e facciamolo nel modo migliore anche per non mandare inutilmente in tilt il nostro corpo e la nostra mente in tempo di incertezze da pandemia internazionale e di stress della rete sanitaria».

A proposito di pandemia: c'è una relazione tra l'emergenza in corso, i disturbi invernali e quanto diceva sul sistema immunitario?

«Certo che c'è. Se miglioriamo la capacità generale di risposta del nostro organismo, alziamo le sue difese contro tutti gli attacchi che possono venire dall'esterno: virali, batteriologici etc. Più è forte il nostro sistema immunitario, più è capace di stare bene il nostro corpo e quindi di non ammalarsi».

Si tratta dunque di fare buona prevenzione?

«Io, lo ripeto, userei l'espressione "fare attenzione". Fare attenzione a non dimenticare che il nostro organismo ha già tante risorse per tutelarsi e non dobbiamo aspettare i momenti di disagio per ricordarcelo. Fare attenzione ad agire a più livelli per stare bene non solo cercando soluzioni immediate che sono spesso però altrettanto immediate nel lasciare il corpo indifeso».

Lei è docente di fitoterapia e medicina integrata oltre che ricercatore e direttore scientifico del Laboratorio Erboristico Forza Vitale Italia Srl. La sua esperienza in tal senso cosa dice?

«La mia esperienza professionale e molte evidenze e studi di autorevoli istituti universitari e centri di ricerca hanno confermato anche in relazione alla pandemia in corso che sarebbe il caso di partire sempre da un sostegno al nostro sistema immunitario e che l'integrazione alimentare, dalle vitamine agli estratti fitoterapici, sono ottimi strumenti per questo obiettivo».

Ci fa qualche esempio pratico?

«Come dicevo, diversi studi recenti sottolineano il ruolo strategico della vitamina D per sostenere l'organismo nella giusta modulazione del sistema immunitario. Idem dicasi per la vitamina C o per altri autentici portenti della natura come la baicalina che nel nostro laboratorio a Forza Vitale abbiamo utilizzato per il Clevir, prodotto consigliassimo in questo momento. Non sto parlando di cure ma di ottimi sostegni fisiologici, si. Studio da anni ormai, sia negli USA che qui in Italia, l'importanza di piante e vitamine nella nostra dieta e nel funzionamento dei processi vitali del nostro corpo; questi studi confermati oramai da un'ampia letteratura scientifica, come anticipavo sono messi a disposizione del laboratorio di Forza Vitale e dei rimedi naturali che da oltre 25 anni aiutano il lavoro quotidiano di tanti professionisti della salute».

Ripartiamo allora dal nostro sistema immunitario, aiutiamolo e aiutiamoci così ad affrontare con maggior serenità questo periodo, giusto?

«Corretto!»

Grazie.