Amare la lettura: collaborazione tra il Liceo Artistico Federico II e la Scuola Bovio di Ruvo

di Mariacarla Quaranta

Amare la lettura: collaborazione tra il Liceo Artistico Federico II e la Scuola Bovio di Ruvo

Corato Attualità

letto: 379 volte 25 novembre 2019 Non raggiunti il minimo di 3 voti.


Si è da poco conclusa la settimana dedicata all’iniziativa Libriamoci, giunta ormai alla sesta edizione, nata col fine di avvicinare al mondo della lettura i più piccoli. Numerose sono state le attività proposte su tutto il territorio nazionale e, per l’occasione, anche il Liceo Artistico Federico II Stupor Mundi, nei giorni 12, 14, 15 novembre, ha voluto dare il suo contributo con una lettura animata del testo “Il mistero della casa stregata”, realizzata presso il 1° Circolo Didattico Giovanni Bovio di Ruvo e rivolta alle classi Terze della scuola primaria, con il tramite della docente Luciana Guastamacchia. È nata così una collaborazione tra le due scuole: mentre la professoressa Porzia Volpe, docente di lettere del Federico, leggeva il libro, alcuni alunni della classe IV B, indirizzo arti figurative, sotto la supervisione della professoressa Rosanna Minervini, rappresentavano graficamente la storia, su grandi cartelloni, dando vita al racconto. E, in questo modo, hanno preso forma i volti dei personaggi, primo fra tutti la protagonista, Cam, e il luna park, dove è ambientata la vicenda, con la casa stregata, le macchine da scontro, la giostra del cappellaio, la cascata e il recinto con i pony. Grande è stato lo stupore dei bambini nel vedere la destrezza e l’abilità con cui gli alunni del Liceo disegnavano in tempo reale, contestualmente alla lettura, i vari elementi del racconto. Non solo, la lettura animata ha abbracciato altre attività, dal teatro alla musica (dal suono al rumore), dall’orienteering allo sviluppo delle abilità logico-matematiche, dall’arte alle scienze motorie, trasformandola in un’attività interdisciplinare.

L’esperienza ha entusiasmato tutti, grandi e piccini: gli alunni del Federico, che hanno visto, nei loro piccoli compagni della Bovio, la freschezza, l’ingenuità e la spontaneità che caratterizza il mondo dell'infanzia; i bambini, che hanno visto negli alunni del Federico dei grandi artisti a tal punto da chiedere loro gli autografi; le docenti dei due ordini di scuola, che hanno utilmente lavorato in sinergia; i dirigenti scolastici, Savino Gallo e Giuseppe Quatela, che hanno creduto nell’iniziativa e sostenuto la sua realizzazione.

La collaborazione non termina qui, perché gli alunni della Bovio stanno realizzando lavori grafici e/o testuali sul libro letto che saranno esposti nelle aule del Liceo Artistico Federico II, l’1 dicembre, in occasione del primo Open Day della scuola. Qui i piccoli alunni, accompagnati dai genitori, e gli alunni della IV B si incontreranno nuovamente per esporre il lavoro realizzato nelle varie classi. Gli alunni del Liceo, da parte loro, continueranno a formarsi nell’ambito dell’illustrazione, partecipando ad un PON presso la Scuola di illustrazione di Scandicci a Firenze, nel mese di giugno. In tal modo, dopo intese tra i docenti, il prossimo anno si potrebbe realizzare un progetto di alternanza scuola-lavoro. Il fine ultimo sarà proprio quello di realizzare un libro illustrato, frutto di un lavoro in tandem tra grandi e piccoli studenti, perché, come dimostrato da questa coinvolgente iniziativa, un libro non è qualcosa di statico e noioso, basta poco, spesso le immagini, per animarlo e dar vita alle parole, lasciando spazio alla fantasia, alla fantasia di ognuno di noi, più potente di ogni cartone, di ogni videogioco: questo vuol dire far appassionare i piccoli alla lettura e far nascere in loro un amore che non avrà mai fine.


Immagini