Al Tannoia un ascensore per il futuro

di Padre A M Tannoia Istituto Tecnico Economico e Tecnologico di Corato

Al Tannoia un ascensore per il futuro

Ruvo di Puglia Attualità

letto: 123 volte 10 ottobre 2020 Non raggiunti il minimo di 3 voti.


Scuola, Enti e Aziende” un’alleanza per il Territorio che ha permesso la realizzazione di un’importante opera strutturale che consentirà a tutta la comunità del Tannoia di accedere in sicurezza a nuovi spazi per l’apprendimento in campo scientifico.

Un importante traguardo, quello raggiunto dall’ ITET “Padre A.M. Tannoia” di Corato,

reso possibile grazie alla virtuosa sinergia tra soggetti diversi ma tutti accomunati da un unico obiettivo: rendere la scuola pubblica un ambiente assolutamente inclusivo in cui nessuno possa sentirsi limitato nelle scelte che attengono al proprio progetto di vita e nelle conseguenti azioni per realizzarlo.

L’idea di fondo che ha caratterizzato e sostenuto il progetto è stata, quindi, questa: non è la persona che deve adattarsi all’ambiente ma è l’ambiente che deve adattarsi alla persona affinché questa possa esercitare il suo fondamentale diritto allo studio e, quindi, alla realizzazione completa del suo sé. Il progetto, pertanto, ha dato spessore concreto al principio dell’accomodamento ragionevole, sancito dalla Convenzione O.N.U. per i diritti delle persone con disabilità, ratificata in Italia con Legge n°19 del 2009, che all’art. 2 lo definisce come l’insieme “delle modifiche e degli adattamenti necessari e appropriati che non impongano un onere sproporzionato o eccessivo, adottati ove ve ne sia necessità in casi particolari, per garantire alle persone con disabilità il godimento e l’esercizio, su base di uguaglianza con gli altri, di tutti i diritti umani e delle libertà fondamentali”.

L’esigenza di allestire nuovi laboratori scientifici per il giovane corso di Agraria, Agroalimentare e Agroindustria, attivo ormai da quattro anni presso l’ITET “Tannoia” di Corato, rendeva indispensabile la rimodulazione degli ambienti presenti nell’ex palazzina del custode ma si scontrava con la presenza di barriere architettoniche che avevano reso, fino ad oggi, impraticabili quei locali per le persone con disabilità.

Grazie alla generosità dell’azienda CMAlifts s.r.l. dei fratelli Caputo, un’eccellenza del nostro territorio, e alla rete dei suoi partner quali S.A.C. Ascensori, l’Ing. Michele Masciavé, DaPa, Ematic, Moris, L’ArtigianVetro, Fi.Met, il progettoha potuto finalmente prendere il volo.

La sensibilità dei fratelli Caputo verso i bisogni di chi è meno fortunato e la loro instancabile tenacia nel portare a compimento quanto promesso all’ITET “Tannoia”, la realizzazione di un impianto di sollevamento, ha così contagiato positivamente decisori politici, dirigenti e tecnici della Città Metropolitana di Bari che, individuando risorse adeguate, hanno quindi avviato importanti lavori di adattamento dei locali della ex Casa del Custode portando a compimento, oggi in tempi di Covid 19, un’opera quanto mai indispensabile per la nostra comunità scolastica e per il suo territorio.

Un grazie sincero e sentito va al team dei docenti proff. Rutigliano C., Di Coste F., Nappi R., De Bari C. del Tannoia che ha collaborato alla realizzazione di questa importante opera che arricchisce le dotazioni della scuola.

La cerimonia di inaugurazione del nuovo impianto di sollevamento e dei nuovi locali da adibire a innovativi laboratori scientifici sarà l’occasione per celebrare la proficua alleanza tra Scuola, Ente Pubblico e Azienda, si svolgerà martedì 13 Ottobre 2020 presso il “Tannoia”, via XXIV Maggio, 62 alle ore 9.00.

L’evento si terrà nel pieno rispetto delle norme sanitarie dettate dall’emergenza COVID19 e, pertanto, gli accessi saranno contingentati.