"disagi ferrotranviaria quando finiranno?"

di mimmo lastella

"disagi ferrotranviaria quando finiranno?"

Corato Attualità

letto: 261 volte 14 aprile 2018 Non raggiunti il minimo di 3 voti.


Disagi Bari nord, quando finiranno?

L’ennesimo disagio provocato dall’avaria di un passaggio a livello sulla tratta ferroviaria: Sovereto-Terlizzi “che tra le altre cose ha visto me come testimone”, riportato anche in un articolo di codesta testata giornalistica, mi spinge a formulare una serie di domande alle istituzioni preposte, in primis al presidente della regione Puglia: “Michele Emiliano”.

Premesso che dal 16 luglio 2016, giorno tristemente noto per il disastro sulla tratta ferroviaria Corato-Andria, viaggiare sulle tanto decantate ferrovie del nord barese, è diventata un odissea “peggiore di quella di Ulisse narrata da Omero nell’Iliade ”; per tutta una serie di vicissitudini e “inghippi burocratici che, si sono susseguiti, come per esempio: “a due anni dall’inizio dei lavori di raddoppio della tratta Ruvo-Corato, non è dato sapere con certezza, quando sarà riattivata la stazione di Corato, né tantomeno e dato sapere a che punto sono i su citati lavori e, di conseguenza, quando si porrà fine al calvario dei viaggiatori pendolari che quotidianamente, sono costretti ad effettuare il fastidioso e stressante cambio treno-bus da Andria-Corato-Ruvo; per non parlare della soppressione dei passaggi a livello.

Premesso questo; chiedo, in qualità di cittadino, utente viaggiatore pendolare “penso d’interpretare il pensiero delle centinaia di utenti che quotidianamente son costretti per svariati motivi, in primis motivi di lavoro, ad utilizzare il mezzo di trasporto pubblico che, ribadisco per l’ennesima volta, è un sacrosanto diritto del cittadino oltre a essere un servizio sociale che non andava assolutamente privatizzato”, in primis al presidente Emiliano: “come intende risolvere quest’annosa questione che, si trascina ormai da un biennio? E se, la regione, vista l’ormai conclamata incapacità di ferrotranviaria

Di assicurare un servizio di trasporto pubblico efficiente e privo di disagi ormai quasi quotidiani, intende revocare la concessione alla su citata azienda.

Infine, chiedo al nuovo governo “se ci sarà”, di inserire fra le priorità la risoluzione del problema Bari nord.

P.s. la ferrovia del nord barese, diventi a gestione pubblica.

Mimmo Lastella